UNIVERSITA' DI PISA - IL GIORNALE DEGLI STUDENTI

Scelte rapide home page: Menú sezioni | Menú principale | In evidenza | Vai ai contenuti della pagina | Credits |


CONTENUTI DELLA PAGINA

Aumentano i casi in Italia

Allergie: come difendersi

Online il bollettino delle tempeste di polline

Cominciano le prime giornate di sole, i prati si riempiono di margherite, si fanno le prime scampagnate in bicicletta. Non c’è dubbio, è arrivata la bella stagione, ma spesso un’ improvvisa nevicata ci sorprende. In realtà questo bizzarro fenomeno non è altro che la dispersione nell’aria di pollini, e chi soffre di allergie lo sa bene.
Il destino degli allergici al polline è crudele: Appena si mette il naso fuori di casa la pelle comincia a prudere, il naso sembra invaso da un esercito di formiche e non si può fare a meno di strofinarlo continuamente; il respiro d’un tratto diventa corto e affaticato, e nei casi più seri c’è bisogno di avere un inalatore sempre con sé; per non parlare degli occhi, che si arrossano e pizzicano così tanto che è inevitabile commettere un errore madornale: attenuare il fastidio strofinandoli con le dita. A meno che non ci si sia appena lavati le mani, questo gesto peggiorerà la situazione in un crescendo di prurito e di esasperazione.
Inoltre gli ultimi studi non sono rassicuranti: il dott. Renato Ariano, direttore del servizio allergie all’ospedale di Bordighera (Imperia) ha effettuato una ricerca, presentata al meeting di New Orleans "American Academy of Allergy, Asthma and Immunology” in cui , dopo aver monitorato la quantità di polline nelle stagioni prese in esame nell'arco di 30 anni, è arrivato alla conclusione che, tra il 1981 e il 2007, la stagione dei pollini si è presentata sempre più in anticipo.
In particolare, per gli alberi di olivo, trenta giorni prima, mentre nel caso della parietaria, l'anticipo è addirittura di 80 giorni. La causa sembra essere proprio il riscaldamento del clima globale.
Per fortuna gli allergici di tutta Italia, che secondo Ariano sono sempre più numerosi, oltre agli antistaminici e i colliri hanno un alleato prezioso: da qualche anno è attivo sul sito www.re-actine.it , che si avvale della collaborazione con l’ AIA (Associazione Italiana di Aerobiologia) il “meteo-polline”: ogni mercoledì viene aggiornato un bollettino in base ai dati relativi al polline della settimana precedente, dal lunedì alla domenica. Questi dati vengono rilevati dai centri di monitoraggio, posti in tutto il paese, e ci dicono qual è la concentrazione delle varie famiglie di pollini in ogni zona d’Italia. Finalmente qualcuno che prende sul serio questo problema che fa impallidire appena tira un alito di vento!
Sempre sul sito è disponibile il vademecum che ogni allergico dovrebbe seguire:tra le norme più utili c’è quella di limitare l’uso delle lenti a contatto per evitare che i pollini rimangano imprigionati tra la lente e l’occhio, evitare le uscite all’aperto tra le 10 e le 16 (periodo di maggior pollinazione) e limitare l’uso degli alcolici che provocando la vasodilatazione favoriscono la congestione nasale.
Inoltre, alla guida è bene evitare di aprire i finestrini. Meglio usare il condizionatore, anche perché una serie di starnuti mentre si è al volante è assai pericolosa, dato che inevitabilmente si chiudono gli occhi e si perde l’attenzione per qualche secondo.

 

    Spotlight

IN EVIDENZA

La nostra video-inchiesta ripresa dal Tirreno

Le interviste realizzate con alcuni studenti da Antonio Messana e Graziana Maggi in merito alle elezioni del rettore hanno riscosso un discreto successo. Il video è stato visto e apprezzato anche dai giornalisti del Tirreno che hanno chiesto (e ottenuto) di poterlo inserire sul proprio sito.

NumeroZer0 sbarca sull'etere

Lunedì 30 alle ore 19 la prima puntata di "OraZer0", con notizie e approfondimenti realizzati dalla redazione di NumeroZero.
La puntata vedrà la ricostruzione della storia del giornale attraverso le sue inchieste più importanti.
Ospite Marina Magnani del giornale dell'Ateneo, con la quale si parlerà delle possibili strade per intraprendere la carriera giornalistica.
Ricordiamo inoltre che domenica 29, "Universication", la trasmissione di La7, dedicherà la sua puntata interamente a RadioEco.

L’E-Team cerca collaboratori

Sta per partire la nuova stagione della Formula SAE (o Formula Student) e la squadra del Cherubino vuole presentarsi ai nastri di partenza nel migliore dei modi. Soddisfatti dei successi dell’esordio e di quelli della scorsa stagione, anche quest’anno il team pisano cercherà di migliorare i risultati e le prestazioni ottenute in questi due anni di partecipazioni al campionato automobilistico universitario più importante a livello mondiale.
Sul sito del team, potrete trovare i profili ricercati ed i requisiti per poterne entrare a far parte.